Creativity Papers blog
Rivista di scrittura creativa, notizie e approfondimento

Ultimi articoli

giovedì 20 agosto 2009

Arrivano le ronde tra dubbi e perplessità

Prima pagina


di Andrea De Luca.

Il punto della legge sicurezza (ufficialmente legge dall'8 agosto) su cui voglio focalizzarmi maggiormente è quello che riguarda le ronde.
Le ronde dovranno rispettare una serie di regole e di requisiti per poter operare. Innanzitutto, per essere riconoscibili, indosseranno una casacca gialla con su scritto il comune di appartenenza. Dovranno essere composte al massimo da tre persone. Per spostarsi non potranno utilizzare mezzi e non potranno adoperare le armi. Inoltre dovranno avere una buona salute e una fedina penale pulita. Infine non dovranno avere nessun legame nè con partiti, nè con movimenti politici, nè con tifoserie.

Per un secondo accantoniamo le ronde e riflettiamo sul tema sicurezza. Credo che lo Stato dovrebbe garantirla ai cittadini. Quindi, dovrebbe aumentare i fondi alle forze dell’ordine e non tagliarli, inoltre dovrebbe aumentare il numero dei poliziotti per strada e non mandare i soldati nelle città. Il governo, adesso, ha instituito le ronde. Di conseguenza e seguendo il discorso precedente, se lo Stato se ne lava le mani e affida il tema della criminalità ai cittadini significa che siamo in una situazione davvero drammatica, se non ridicola.

Lo scopo delle ronde (che potranno essere cittadini qualsiasi) sarà quello di segnalare alle forze di polizia eventi che possano arrecare danno alla sicurezza urbana. Mi chiedo, però, se semplici cittadini avranno una certa esperienza e anche un certo coraggio nell'affrontare situazioni delicate. Se proprio necessarie queste ronde, non sarebbe stato meglio 'arruolare' direttamente ex componenti delle forze dell’ordine? Ex poliziotti o carabinieri per intenderci che, credo o presumo, abbiano più esperienza nell'affrontare determinate situazioni di pericolo o disagio.

E proprio da questa semplice ma importante annotazione, aggiunta al discorso dello Stato che dovrebbe garantire la sicurezza e non relegarla ai cittadini, che nascono le mie perplessità maggiori.

Le ronde (o meglio 'associazioni di osservatori volontari', altrimenti si incazza Maroni) devono garantire la sicurezza. Ma ne siamo proprio convinti? E, soprattutto, ne saranno proprio capaci?

Ti è piaciuto l’articolo? Clicca su OK!

Puoi votare altri articoli anche in questa pagina.

Nessun commento:

Posta un commento